Il test muscolare - Kinesiologia Verona trattamenti corsi insegnamento master riflessologia plantare sedute

SCAPPANDO DA UN PROBLEMA AUMENTI SOLO LA DISTANZA DALLA SOLUZIONE
Vai ai contenuti

Menu principale:

La kinesiologia
La Kinesiologia stabilisce un contatto, un diagolo con il sistema della persona avvalendosi del test muscolare quale linguaggio comprensibile al corpo per individuare dove e come una persona è incapace o in difficoltà ad esprimersi e di interagire con l'esterno rispetto ad un risultato desiderato.
La Kinesiologia Specializzata non si occupa di formulare diagnosi o di trattare i sintomi, si focalizza piuttosto nel ristabilire l'ordine energetico messo in disordine dallo stress con cui la persona vive le proprie esperienze e consente alla persona di esprimere al meglio le proprie potenzialità in qualsiasi ambito della propria vita, migliorando le performances desiderate (di apprendimento scolastico, professionale, artistico e sportivo)
Il Test Muscolare Kinesiologico


Il principale strumento utilizzato in Kinesiologia è il Test Muscolare di Precisione.
Il test kinesiologico è la chiave di accesso al biocomputer della persona permettendo di
comunicare con il corpo attraverso un linguaggio non verbale.

Cos'è:
Il test consiste in un monitoraggio muscolare che avviene attraverso una pressione di diversa
intensità esercitata su muscoli delle braccia e delle gambe partendo da una precisa posizione
specifica per il test in cui ogni singolo muscolo testato viene isolato il più possibile dal gruppo
muscolare con cui collabora per compiere il suo ruolo, sia sinergico, sia antagonista. Non è una
prova di forza, ma una valutazione della qualità e della velocità con cui il muscolo reagisce ad
uno stimolo sensoriale (potenziale stress).
Uno stesso muscolo può essere testato per ricevere informazioni relative all'area di sua
competenza e alla sua propria funzionalità, ma anche per un'indagine più ampia in relazione a
tutto il sistema.

Questo ci aiuta a comprendere se una situazione, un'esperienza specifica sono percepite e
vissute con stress in un'area ristretta (ad es. Un organo, un apparato ecc) oppure in tutto il
sistema generale e quindi con una minore ed inadeguata performance rispetto alla potenzialità
ottimale.

Come funziona:
L'utilizzo del test attiva un dialogo con il corpo grazie ad un linguaggio ad esso familiare: quello
della risposta dei meccanismi propriocettivi del muscolo. Cosa sono? Sono strutture sensoriali
del sistema nervoso che monitorizzano la situazione in loco ed inviano le informazioni alla
centrale (cervello) il quale elabora in funzione di quanto riceve e trae la sua conclusione
inviando la sua risposta relativa alle informazioni che ha ricevuto. Ne consegue che la qualità di
risposta cerebrale di rimando al muscolo e all'area relativa a quel muscolo, sarà subordinata
alla qualità e alla completezza delle informazioni partite dal muscolo testato.
Ad esempio: se il Test Muscolare Kinesiologico indica che nell'area dello stomaco c'è un disagio
(inteso in termini di ipo o iperenergia) ogni volta che si vive una determinata esperienza, le
informazioni che arriveranno al cervello potranno essere incomplete o distorte ed il cervello
produrrà un'elaborazione parziale, distorta inviando istruzioni allo stomaco incomplete e
probabilmente inadeguate sul comportamento ottimale da adottare. Di conseguenza l'area
dello stomaco rimarrà in stress fino a quando questa interferenza non verrà chiarita e
riarmonizzata.

Il test muscolare consente di procedere in maniera precisa, e di applicare la strategia di
riequilibrio di cui la persona ha veramente bisogno senza procedere per tentativi e consente di
operare nel pieno rispetto di modalità e tempi più adatte per la persona, per quel disagio in
quel momento.

A cosa serve:
In sintesi ha 3 importanti finalità :
1)fornisce informazioni sui fattori di stress che portano ad uno stato di disequilibrio
energetico ed individua rapidamente lo stress prioritario
2) evidenzia le modalità più appropriate per riportare l'energia della persona in uno
stato di equilibrio
3) dopo aver eseguito la correzione verifica che il riequilibrio energetico effettuato sia
stato eseguito con successo e completezza e che il sistema abbia ben recepito il nuovo
messaggio immesso.
Torna ai contenuti | Torna al menu